Stripsody

Stripsody is the title of three different works of art: a collection of graphic plates by Eugenio Carmi, a composition realized by Cathy Berberian and a comic-score which Roberto Zamarin drew in collaboration with Berberian.

The eBook

Andrea Garbuglia, Strispody - La vocazione musicale delle strisce a fumetti (eum 2011)

Part I – Stripsody. La vocazione musicale delle strisce a fumetti

Costruita usando i suoni dei fumetti, Stripsody di Cathy Berberia è una composizione che ci pone di fronte a interrogativi fondanti sullo statuto che essi assumono all’interno di quello che, a prima vista, sembra essere un universo silente. I suoni delle strisce disegnate sono tutti dello stesso tipo? Che rapporto intrattengono con le cose sonore che li producono? È lecito eseguirli? Cosa succede quando lo facciamo?

Queste ed altre le domande intorno alle quali si sviluppa questo breve eBook. Il percorso seguito coinvolge discipline quali la semiotica, la filosofia del linguaggio, la linguistica, la filosofia della musica. L’intento è quello di attribuire ad un’opera, spesso dimenticata, un valore che va oltre la sua forza dissacrante, per gettare una nuova luce sulla musica e sui fumetti.

Part II – Berberian’s Stripsody and Comics Musical Vocation

Stripsody is a composition which Cathy Berberian wrote using sonic material derived from comic-strips. This opera puzzles us with many crucial questions on the role played by onomatopoeic sounds in comics’ silent world. Are they all alike? What kind of relation they entertain with the objects which produce them? Do we have to perform them? And if yes what happen when we do it?

These are the issues tackled in this eBook and Semiotics, Philosophy of Language, Linguistics, Philosophy of Music are some of the approaches used to investigate them. The aim will be to attribute a value to this composition that is not merely linked to its desecrating impact, and that throws a new light both on music and comix.

*  *  *

Cathy Berberian’s Stripsody

“…we cannot consider Berberian’s composition merely as a musical reflection on comics […] Her decision to use comics onomatopoeias as raw material for a musical composition […] also represents a radically new paradigm and a totally different musical conception.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookII part)

“Non c’è dubbio che il semplice ascolto di Stripsody presenti comunque delle difficoltà ermeneutiche, alle quali, però, Cathy Berberian ha cercato di ovviare attraverso performance in cui la mimica giocava un ruolo fondamentale. Accanto ai gesti necessari all’emissione di determinati suoni, la Berberian ne aggiungeva altri con cui spiegava la natura dei suoni emessi, o indicava l’inizio e la fine delle sequenze narrative, combinando così una gestualità produttiva con una linguistica ed una metalinguistica.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookI part)

a

a

a

a

Stripsody‘s Ghildren Variations

a

*  *  *

Eugenio Carmi’s Stripsody

“If Cathy Berberian was interested in the musical latency of comics sounds, Carmi was interested in their graphic potentiality.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookII part)

Stripsody, sia nella veste sonora sia in quella grafica, recide, almeno apparentemente, il legame tra cose e onomatopee, ma di fatto entrambi i testi lo recuperano in forma mediata, trasformandolo nel luogo di una simbolicità tutta musicale. Se la Berberian, dopo aver decostruito il testo, lo ricompone creando una narrazione aurale, ora atomizzata, ora sequenziale, Carmi usa la veste grafica per ricostruire il suono della cosa nascosto dalla nuda onomatopea, trasportando così i due piani sonori all’interno di una dialettica squisitamente visiva.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookIntroduction)

Plate 1E. Carmi, Stripsody (plate I). Copyright © 1966 E. Carmi

Plate 5E. Carmi, Stripsody (plate V). Copyright © 1966 E. Carmi

Plage 10E. Carmi, Stripsody (plate X). Copyright © 1966

a

Berberian’s Stripsody original recording

*  *  *

Roberto Zamarin’s “comic-score”

“…le tavole di Zamarin rappresentano un importante snodo teorico per il nostro argomento. Egli, infatti, sceglie di invertire l’usuale rapporto che c’è nelle vignette tra disegni e suoni, mettendo i primi al servizio dei secondi. L’inversione si fa particolarmente evidente nell’undicesima tavola, dove l’autore allude al ruolo occupato dalla banda sonora nelle pellicole dei film, relegando i fotogrammi in una colonna orizzontale, a margine della rappresentazione dei suoni.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookI part)

Roberto Zamarin: Berberian’s Stripsody score (plate I, image cutout). Copyright © 1966 C.F. Peters Corporation

Roberto Zamarin: Berberian’s Stripsody score (plate I, image cutout). Copyright © 1966 C.F. Peters Corporation

Roberto Zamarin: Berberian’s Stripsody score (plate IV, image cutout). Copyright © 1966 C.F. Peters Corporation

Roberto Zamarin: Berberian’s Stripsody score (plate V, image cutout). Copyright © 1966 C.F. Peters Corporation

Roberto Zamarin: Berberian’s Stripsody score (plate XI, image cutout). Copyright © 1966 C.F. Peters Corporation

*  *  *

Serge Gainsbourg’s Comic Strip

“È decisamente più simile ad una lista il brano di Serge Gainsbourg Comic Strip, pubblicato nell’omonimo album uscito postumo nel 1997. Di questa canzone esiste anche un videoclip di cui è protagonista Brigitte Bardot.” (A. Garbuglia, excerpt from the eBookI part, footnote)

Advertisements

One response to “Stripsody

  1. Stripsody è stato d’ispirazione per questo lavoro realizzato nella Scuola Elementare, nelle classi 2e. Vi lascio il link, sperando vi piaccia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s